Matteo Brusa

Cicloescursionista
 
Classe
 

La ricerca del nuovo, dell'inesplorato, dell'avventura è lo spirito che guida i miei passi da quando sono un ragazzino. La mia grande passione per la natura mi ha sempre portato a misurare le mie forze sulle vette appenniniche e sui picchi alpini, in sella ad una Mountain bike o appeso ad una parete di roccia.
Il mio lavoro mi porta in giro per l'Italia in bici da corsa e l'energia che ho bisogno di scaricare sulle due ruote è talmente tanta che appena posso parto per un nuovo angolo di mondo, dove il mio spirito si arricchisce di nuovi colpi d'occhio, nuove emozioni, nuovi cuori che danno vita al mio entusiasmo.

1. Da Sydney a Melbourne

Ero pieno di entusiasmo e di ottime ragioni: avrei provato la mia bici nuova fiammante (comprata di corsa due giorni prima di partire) e avrei potuto poi affrontare il giro della Tasmania con il giusto allenamento alle spalle (la distanza Sydney – Melbourne è di quasi 1000km). Dunque mi sono trovato a partire, la mattina del 28 dicembre, alla volta della mia avventura.

Il mio destriero, con il quale è stato amore a prima vista, è una Salsa Fargo, equipaggiata con portapacchi e borse laterali: un kit volutamente leggero ed agile, adatto ad affrontare le salite impegnative della Tasmania. La strada, lungo la costa, mi ha portato nelle prime tappe, di circa 100-110km al giorno, attraverso paesini di mare pieni di vacanzieri australiani (il periodo natalizio è l’equivalente del nostro ferragosto: sono tutti al mare!). Ciò che più mi ha colpito è stato il blu.